Amministrazione federale delle contribuzioni AFC

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Caratteristiche dell'imposta sul valore aggiunto (IVA)

Imposta sul consumo

L’IVA è trasferita ai consumatori finali, quindi a tutti noi. Noi consumatori paghiamo l’IVA sui nostri acquisti di beni (abbigliamento, generi alimentari, ecc.) e prestazioni di servizi (parrucchiere, avvocato, ecc.).

Imposta fiscale

L’IVA serve principalmente alla copertura delle spese generali sostenute dalla Confederazione.

Imposta onnifase

Le relazioni commerciali fra due imprese contribuenti IVA sono di regola caratterizzate dal fatto che il venditore espone l’IVA nelle fatture e l’acquirente può dedurre l’IVA a titolo d’imposta precedente (salvo nelle eccezioni previste dalla legge sull’IVA).

Imposta sulla cifra d’affari / Imposta precedente

L’IVA è suddivisa fra un’imposta sulla cifra d’affari e un’imposta precedente. Ciò significa che il fornitore deve versare all’AFC l’IVA (sulla cifra d’affari) ed è legittimato a dedurre l’IVA (IVA precedente) che gli è stata fatturata. Il contribuente paga dunque all’AFC la differenza, oppure l’AFC gli accredita la differenza se le complessive imposte precedenti superano l’IVA dovuta sulla cifra d’affari.

Chi versa l'IVA alla Confederazione?

Tutte le imprese in territorio svizzero che raggiungono la cifra d’affari stabilita dalla legge o che rinunciano all’esenzione dall’assoggettamento, e tutti coloro che, in un anno civile, acquistano dall’estero per oltre 10 000 franchi di determinate prestazioni (imposta sull’acquisto).

Che cosa significa "Rinuncia all'esenzione dall'assoggettamento?

L’impresa che non raggiunge la cifra d’affari prevista dalla legge ha diritto a chiedere ugualmente all’AFC l’attribuzione di un N.IVA – anche qualora i costi superino la cifra d’affari (p. es. le aziende start-up, ma non il finanziamento per attività in quanto hobby)!

Imposta precedente superiore all'imposta sulla cifra d'affari – per quale ragione?

Le forniture verso l’estero, così come le forniture e le prestazioni di servizi all’estero (semplificato “esportazioni”) sono esenti dall'imposta, ossia l’imprenditore non deve versare nessuna IVA all’AFC. Se acquista in territorio svizzero materiale o prestazioni di servizi per questa prestazione eseguita all’estero, egli può far valere l’IVA che figura nella sua fattura come imposta precedente. Questo può comportare un’imposta precedente superiore all’imposta sulla cifra d’affari.

Distinzione fra "prestazioni esenti" e "prestazioni escluse" dall'imposta

Le prestazioni esenti dall'imposta sono quelle svolte all’estero (esportazioni o prestazioni estero su estero). Le prestazioni escluse dall'imposta non soggiacciono all’imposta e devono essere esplicitamente enumerate come tali nella legge. Indipendentemente dal volume di cifra d’affari realizzato con prestazioni escluse dall'imposta, la persona che le esegue non è tuttavia obbligata ad assoggettarsi all’IVA.

Attenzione, imposte precedenti:

Gli acquisti concernenti prestazioni esenti dall'imosta danno diritto alla deduzione dell’imposta precedente. Gli acquisti concernenti prestazioni escluse dall'imposta non danno diritto alla deduzione dell’imposta precedente.

Opzione – che cosa significa?

Esistono varie prestazioni escluse dall’imposta, le quali devono essere indicate esplicitamente nella LIVA. La maggior parte di tali prestazioni può essere imposta volontariamente all’IVA (= tramite l’opzione). Ciò significa che l’impresa versa liberamente l’imposta sulla cifra d’affari e che in compenso ha il diritto di dedurre la corrispondente imposta precedente sugli acquisti relativi a questa cifra d’affari.

Perché devo pagare l'IVA?

L’IVA è una cosiddetta imposta sul consumo, pagata da tutti noi consumatori. L’IVA è versata all’AFC dalle imprese contribuenti.
Di regola, soggiacciono all’IVA tutte le forniture di beni e le prestazioni di servizi. L’impresa contribuente IVA aggiunge l’IVA ai suoi prezzi di vendita. Questa può essere fatturata apertamente o inclusa nel prezzo.

  • fatturata apertamente = la fattura menziona esplicitamente l’ammontare dell’IVA
  • inclusa nel prezzo = la fattura non contiene riferimenti all’IVA.

L’acquirente paga il prezzo richiesto e l’impresa versa periodicamente l’IVA inclusa nel prezzo all’AFC.

Ci sono anche imprese che non sono contribuenti IVA, sia perché realizzano una cifra d’affari troppo bassa rispetto ai limiti stabiliti dalla legge, sia perché eseguono unicamente prestazioni escluse dall’imposta.

In questi casi le imprese non hanno diritto a dedurre l’imposta precedente. Per i loro acquisti, tali imprese sono considerate consumatori finali. Pertanto, non sono legittimate a menzionare l’IVA nelle fatture ai loro clienti.

Fine zona contenuto



Amministrazione federale delle contribuzioni AFC
Contatto | Basi legali
http://www.estv.admin.ch/mwst/themen/00153/index.html?lang=it