Amministrazione federale delle contribuzioni AFC

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Rimborso dell’IVA a imprese con sede sociale all’estero

Le basi legali in materia di rimborso dell’IVA (VAT Refund) figurano all’articolo 107 capoverso 1 lettera b della legge federale del 12 giugno 2009 concernente l’imposta sul valore aggiunto (LIVA) e agli articoli 151–156 dell’ordinanza del 27 novembre 2009 concernente l’imposta sul valore aggiunto (OIVA). Per maggiori dettagli in relazione al rimborso dell’IVA vedi l’info IVA “Procedura di rimborso”.

Chi può chiedere il rimborso dell’imposta?

I destinatari di prestazioni con domicilio, sede sociale o stabilimento d’impresa all’estero, che sostengono in territorio svizzero spese per attività imprenditoriali, possono ottenere il rimborso dell’imposta precedente pagata. Questa possibilità sussiste, a determinate condizioni, anche per l’imposta sull’importazione versata.

Presupposti fondamentali

Affinché il diritto al rimborso sia dato, gli aventi diritto devono adempiere cumulativamente le seguenti condizioni:

  • il loro domicilio, sede sociale o stabilimento d’impresa è all’estero;
  • non sono iscritti nel registro dei contribuenti sul territorio svizzero (Svizzera e Principato del Liechtenstein) né sono assoggettati all’imposta conformemente all’articolo 10 LIVA;
    maggiori dettagli riguardo all’assoggettamento sono contenuti nell’info IVA “Assoggettamento”;
  • non eseguono prestazioni sul territorio svizzero;
    maggiori dettagli riguardo alle prestazioni in territorio svizzero sono contenuti nell’info IVA “Luogo della prestazione”;
  • comprovano all’AFC la loro qualità di imprenditore nel Paese di domicilio, di sede sociale o dello stabilimento d’impresa;
  • le fatture presentate soddisfano i requisiti di cui all’articolo 26 capoverso 2 LIVA e concernono l’attuale periodo di rimborso;
  • il loro Paese di domicilio o di sede soddisfa le disposizioni di reciprocità. Ulteriori informazioni sulla reciprocità figurano nella rubrica “Reciprocità”;
  • presentano un’unica richiesta per anno civile;
  • l’importo minimo per anno civile ammonta a 500 franchi (imposta rifondibile).

Requisiti formali

  • La richiesta di rimborso dell’IVA va presentata tramite gli appositi moduli ufficiali n. 1222 e n. 1223 pubblicati dall’AFC. Non sono ammessi altri moduli per richiedere il rimborso.
  • Il richiedente designa per legge un rappresentante con domicilio o sede sociale in Svizzera. Esso può essere una persona fisica o giuridica. Se la richiesta è presentata al Principato del Liechtenstein, va designato un rappresentante con domicilio o sede sociale nel Liechtenstein. Il rappresentante giustifica i suoi poteri con una procura riportata sul modulo di richiesta (modulo n. 1222). Per ogni richiesta di rimborso va rilasciata una nuova procura.

Termine perentorio

La richiesta va presentata tra il 1° gennaio e il 30 giugno dell’anno che segue il periodo di rimborso. Il termine legale di presentazione non è prorogabile (termine perentorio). Determinante è la data del timbro postale.

Reciprocità

Ai sensi dell’articolo 152 capoverso 1 OIVA la reciprocità è considerata garantita se:

a) nello Stato estero in questione le imprese con domicilio o sede sociale in Svizzera hanno diritto al rimborso dell’imposta sul valore aggiunto versata per le prestazioni ivi acquisite che corrisponde, per entità e restrizioni, al diritto alla deduzione dell’imposta precedente di cui beneficiano le imprese con sede nello Stato estero;
b) nello Stato estero in questione non viene riscossa un’imposta equiparabile all’imposta sul valore aggiunto svizzera; oppure
c) nello Stato estero in questione viene riscosso un altro tipo di imposta sulla cifra d’affari, diversa dall’imposta sul valore aggiunto svizzera, che grava le imprese con domicilio o sede sociale in tale Stato in modo equivalente alle imprese con domicilio o sede sociale in Svizzera.

L’AFC tiene un elenco degli Stati con i quali è stata scambiata una dichiarazione di reciprocità ai sensi della lettera a o con i quali la reciprocità è stata comprovata o esaminata ai sensi delle lettere b e c. Se il Paese di domicilio o di sede del richiedente non figura nell’elenco, egli può tuttavia provare all’AFC che sono dati i presupposti per la concessione della reciprocità conformemente all’articolo 152 capoverso 1 lettera a, b, o c OIVA. L’AFC esamina la prova se le seguenti condizioni risultano soddisfatte:

  • il richiedente presenta all’AFC una conferma dell’autorità fiscale competente del suo Paese attestante l’adempimento da parte del Paese in questione di uno dei presupposti conformemente all’articolo 152 capoverso 1 lettera a, b, o c OIVA;
  • tale conferma è rilasciata in una delle lingue ufficiali della Svizzera (tedesco, francese, italiano) o in inglese. Altrimenti è richiesta la traduzione in una delle lingue ufficiali autenticata da un notaio.

 

Se l’AFC dopo il suo esame giunge alla conclusione che lo Stato in questione garantisce la reciprocità, il rimborso dell’IVA svizzera è attuato. L’elenco è pertinentemente completato dopo ogni esame e attualizzato alla fine di ogni anno.

 

Particolarità

  • Viene rimborsata unicamente l’IVA effettivamente pagata. Le corrispondenti prove di pagamento vanno presentate solo su richiesta.

Nuovo modo di procedere a contare dal 2012 in caso di acquisto di prestazioni sia in Svizzera sia in Liechtenstein (applicabile dal periodo di rimborso 2012):

L‘IVA sulle prestazioni acquisite in Svizzera o in Liechtenstein è rimborsata dallo Stato in cui le prestazioni sono state acquisite. Pertanto, occorre inoltrare in ciascun Paese (Principato del Liechtenstein e Svizzera) una richiesta di rimborso separata presso l'autorità fiscale competente. Dato che l'imposta sull'importazione è riscossa dalle autorità doganali svizzere, i relativi importi sono rimborsati esclusivamente dall'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC), autorità competente per il rimborso dell'IVA in Svizzera.

L'importo minimo del rimborso dell'IVA ammonta in ciascun Paese a 500 franchi. Per ogni Paese occorre inoltre designare un rappresentante fiscale separato, residente nel Paese d'inoltro della richiesta.

Osservazioni: il nuovo modo di procedere inerente alle richieste di rimborso separate in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein sarà pubblicato soltanto in un secondo tempo nell'info IVA 18 "Procedura di rimborso". Dal 1° gennaio 2013 il contenuto attuale della cifra 6.4 di tale info IVA non sarà più valido.

Indirizzo

Amministrazione federale delle contribuzioni
Divisione principale dell’imposta sul valore aggiunto
Schwarztorstrasse 50
CH-3003 Berna

Ulteriori informazioni

Tipo:  PDF
605.525.18 - Info IVA 18 Procedura di rimborso (PDF) valevole dal 1° gennaio 2010

Disponibile dal: 07.02.2014

Fine zona contenuto



Amministrazione federale delle contribuzioni AFC
Contatto | Basi legali
http://www.estv.admin.ch/mwst/themen/00160/00638/index.html?lang=it