La legge sulla tassa d’esenzione dall’obbligo militare viene modificata nel quadro dell’ulteriore sviluppo dell’esercito

Berna, 06.09.2017 - La tassa d’esenzione dall’obbligo militare deve essere adeguata alla nuova legislazione sul servizio militare e sul servizio civile. Affinché l’obbligo di prestare l’intero servizio obbligatorio venga maggiormente adempiuto, si intende introdurre una tassa d’esenzione finale. Nella sua seduta del 6 settembre 2017 il Consiglio federale ha approvato il relativo messaggio.

In linea di massima, l’avamprogetto posto in consultazione è stato accolto favorevolmente dalla stragrande maggioranza dei partecipanti.

Il messaggio concernente la modifica della legge federale sulla tassa d’esenzione dall’obbligo militare è stato modificato in due punti rispetto al progetto posto in consultazione:

  • Il Consiglio federale rinuncia alla proposta di prevedere che le autorità possano ritirare o non rinnovare documenti validi (passaporto, carta d’identità) se l’assoggettato non ha pagato la tassa d’esenzione. L’adeguamento è stato fatto perché tale provvedimento di garanzia viola le vigenti disposizioni del diritto internazionale pubblico.
  • Inoltre, il Consiglio federale rinuncia all’introduzione di un organo indipendente di vigilanza finanziaria che controlli regolarmente se i Cantoni versano alla Confederazione la quota della tassa d’esenzione in modo regolare e nel rispetto della legge.

Il Consiglio federale inoltre mantiene la tassa minima di 400 franchi. Anche l’aliquota per il calcolo della tassa d’esenzione viene lasciata al 3 per cento del reddito netto. In sede di consultazione è stato chiesto in modo informale se questi valori dovessero essere cambiati. In pratica è emerso che nessuno è favorevole a un aumento.

Come è già stato annunciato nell’avamprogetto posto in consultazione, il Consiglio federale propone l’introduzione dei seguenti punti fondamentali:

  • l’assoggettamento si estenderà dal 19° al 37° anno d’età (attualmente la sua durata va dal 20° al 30° anno di età). In questo lasso di tempo saranno riscosse al massimo 11 annualità della tassa d’esenzione. L’assoggettamento in caso di differimento della scuola reclute viene soppresso.
  • Per gli obbligati al servizio militare e al servizio civile che alla fine del loro obbligo di servizio sono prosciolti nonostante non abbiano adempiuto l’obbligo di prestare l’intero servizio obbligatorio viene introdotta una tassa d’esenzione finale.
  • Collegando il termine di prescrizione della tassa d’esenzione alla tassazione dell’imposta federale diretta passata in giudicato, si garantisce che la tassa sia pagata da tutti gli assoggettati – anche da coloro nei confronti dei quali sono in corso complessi procedimenti giudiziari.

Con l’adozione del messaggio, il disegno di legge viene trasmesso al Parlamento. L’obiettivo è di poter fare entrare in vigore le modifiche il 1° gennaio 2019. Con la revisione delle basi legali per l’ulteriore sviluppo dell’esercito (USEs), la legislazione concernente il servizio militare e il servizio civile viene modificata in diversi punti. Queste modifiche entreranno in vigore il 1° gennaio 2018. Poiché la riscossione della tassa d’esenzione si basa sul servizio militare o civile prestato nel corso dell’anno precedente, gli adeguamenti delle basi legali in seguito all’USEs diventano rilevanti per la tassa d’esenzione dall’obbligo militare solo nell’anno successivo alla loro entrata in vigore.


Indirizzo cui rivolgere domande

Patrick Teuscher, capo della Comunicazione, Amministrazione federale delle contribuzioni AFC
Tel. +41 58 464 90 00, media@estv.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

https://www.estv.admin.ch/content/estv/it/home/die-estv/medien/nsb-news_list.msg-id-68005.html