Corsi delle valute estere

Per il calcolo dell’imposta sulle prestazioni eseguite sul territorio svizzero e dell’imposta sull’acquisto le controprestazioni in valuta estera vanno convertite in franchi svizzeri al momento della nascita del credito fiscale. Per il calcolo dell’imposta precedente deducibile è determinante il corso al momento della nascita del diritto alla deduzione dell’imposta precedente.

Per la conversione può essere applicato a scelta il corso medio mensile pubblicato dall’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC), oppure il corso del giorno delle divise (vendita). I contribuenti che fanno parte di un gruppo possono applicare per la conversione il corso interno utilizzato dal gruppo.

I corsi pubblicati dall’AFC possono essere richiamati qui:

  • corsi del giorno (attualizzati giornalmente)
  • corsi medi mensili
    (pubblicazione per il mese successivo: il giorno 25 risp. il seguente giorno feriale del mese precedente)

Importante

  • Per le valute estere per le quali l’AFC non rende noto alcun corso, vale il corso del giorno delle divise (vendita) pubblicato da una banca in territorio svizzero.
  • La procedura scelta va mantenuta almeno durante un periodo fiscale e va utilizzata sia per il calcolo dell’imposta sulle prestazioni eseguite sul territorio svizzero e dell’imposta sull’acquisto, sia per la deduzione dell’imposta precedente. Un cambiamento è possibile solo con l’inizio di un nuovo periodo fiscale.

Ultima modifica 23.02.2018

Inizio pagina

https://www.estv.admin.ch/content/estv/it/home/mehrwertsteuer/dienstleistungen/fremdwaehrungskurse.html