Spiegazioni concernenti la firma elettronica

Firme elettroniche

L’utilizzo della firma elettronica, nella trasmissione e nella conservazione di giustificativi in forma non cartacea, si rifà all’articolo 122 dell’ordinanza concernente l’imposta sul valore aggiunto (OIVA) e all’articolo 957a del Codice delle obbligazioni (CO).

La legge federale del 18 marzo 2016 sui servizi di certificazione nel campo della firma elettronica e di altre applicazioni di certificati digitali (legge sulla firma elettronica, FiEle) disciplina la firma elettronica. Una firma qualificata fondata su un certificato qualificato rilasciato da un prestatore di servizi di certificazione riconosciuto è equiparata alla firma autografa (art. 14 cpv. 2bis CO). L’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) non vede pertanto la necessità di richiedere obbligatoriamente firme elettroniche qualificate (art. 2 lett. e FiEle), almeno per quanto riguarda l’ambito IVA. Non è necessario addurre un giustificativo con la firma elettronica qualificata di una persona fisica.

Per attestare la provenienza (autenticità) e l’inalterabilità (integrità) di un giustificativo bastano la firma elettronica regolamentata e il sigillo elettronico regolamentato di cui all’articolo 2 lettere c e d FiEle.

Verifica della firma elettronica

Come si verifica la firma elettronica?

La verifica sistematica e automatizzata della firma offre notevoli vantaggi ed è pertanto raccomandata. Nei casi in cui invece si applica una procedura non automatizzata, si deve verificare la firma solo se necessario e successivamente confermarne l’avvenuta verifica.

Come si deve determinare la dimensione del campione?

È importante che gli errori sistematici non vengano ignorati, ma a questo proposito non è necessario verificare molti casi analoghi. Per la determinazione delle dimensioni del campione è consigliabile considerare i seguenti elementi:

  • tipo di relazione con i fornitori;
  • tipo di trasmissione;
  • validità e ammissibilità del certificato utilizzato. 

La verifica della firma è solo una fase di un processo più ampio. Contribuiscono infatti alla significatività del campione anche le verifiche svolte in momenti successivi alla trasmissione, ossia l’archiviazione, il trasferimento su un altro supporto dati e la verifica periodica della leggibilità dello stesso, fino alla scadenza della durata di conservazione.

Ai fini della tracciabilità si consiglia di documentare i criteri in base ai quali è stata definita la dimensione del campione.

Formati dei file

È consigliato l’utilizzo di file dai contenuti strutturati e analizzabili automaticamente, poiché ciò consente al destinatario di elaborarli in modo più veloce ed efficiente.  

È ammesso l’impiego di altri formati se:

  • l’analisi è possibile a partire dalla contabilità finanziaria;
  • i file non presentano contenuti dinamici.

Fatturazione transfrontaliera

Ultima modifica 05.09.2018

Inizio pagina

https://www.estv.admin.ch/content/estv/it/home/mehrwertsteuer/fachinformationen/elektronischer-geschaeftsverkehr/erlaeuterungen-esignaturen.html