Assoggettamento, cifra d'affari determinante, inizio dell'assoggettamento, obbligo di annunciarsi

Assoggettamento, cifra d'affari determinante, inizio dell'assoggettamento, obbligo di annunciarsi

Assoggettamento

La vostra impresa ha sede in territorio svizzero:

  • Svolgete un'attività indipendente, professionale o commerciale?
  • Agite in vostro nome verso l'esterno?
  • La vostra impresa ha lo scopo di conseguire, mediante prestazioni, entrate aventi carattere di stabilità?
  • Gestite a titolo onorifico un'associazione sportiva o culturale senza scopo lucrativo e realizzate almeno 150 000 franchi di cifra d'affari proveniente da prestazioni imponibili?
  • Siete considerati istituzione di utilità pubblica e realizzate almeno 150 000 franchi di cifra d'affari proveniente da prestazioni imponibili?
  • Siete un'istituzione di diritto pubblico e realizzate almeno 25 000 franchi di cifra d'affari proveniente da prestazioni imponibili effettuate a terzi che non sono collettività pubbliche?
  • Realizzate almeno 100 000 franchi di cifra d'affari proveniente da prestazioni imponibili?
  • Organizzate un evento unico a carattere sportivo, culturale o una festa (fuochi d'artificio sul lago, festa campestre, festa della musica, giornate dell'equitazione ecc.) e avete in previsione entrate imponibili di almeno 100 000 franchi realizzate mediante prestazioni della ristorazione, bancarelle di alimentari, pubblicità, sponsorizzazioni ecc.?
  • Acquistate almeno 10 000 franchi di prestazioni di imprese con sede all'estero che soggiacciono all'imposta sull'acquisto?

Se avete risposto con un NO a tutte le domande:

Non siete assoggettati all'IVA. Nonostante abbiate un'attività imprenditoriale, non raggiungete il suddetto limite di cifra d'affari. A determinate condizioni potete assoggettarvi volontariamente all'IVA, vedi rubrica "Rinuncia all'esenzione dall'assoggettamento".

Se avete risposto con un SÌ a una o più domande:

Siete probabilmente assoggettati all'IVA. Vi raccomandiamo assolutamente di chiarire questo aspetto con il questionario (Iscrizione all'IVA). Qualora nel vostro caso si ponesse la questione se siete assoggettati esclusivamente all'imposta sull'acquisto, vogliate rivolgervi alla Divisione Riscossione.

La sede della vostra impresa è all'estero

Anche le imprese estere possono essere assoggettate all'imposta in territorio svizzero. Di principio devono porsi le stesse domande delle imprese svizzere (vedi più sopra). Le imprese estere sono in particolare esentate dall'obbligo fiscale soggettivo se effettuano esclusivamente prestazioni di servizi che soggiacciono all'imposta sull'acquisto.

Attenzione: le imprese con sede all'estero, che fino alla fine del 2014 erano esentate dall'assoggettamento poiché avevano effettuato in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein unicamente forniture soggiacenti all'imposta sull'acquisto, dal 1°gennaio 2015 saranno assoggettate all'IVA in caso di conseguimento di una cifra d'affari annua di almeno 100 000 franchi in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein. Ciò interessa soprattutto le imprese dei settori dell'edilizia e dell'ingegneria civile nonché dei rami accessori dell'edilizia. Ne sono escluse le imprese estere che forniscono esclusivamente energia elettrica e gas naturale in condotte a imprese assoggettate in territorio svizzero. Questi fornitori di corrente e gas non devono necessariamente iscriversi quali contribuenti in territorio svizzero.

Stabilimenti di imprese estere in territorio svizzero
Per gli stabilimenti di imprese estere valgono le stesse disposizioni come per un'impresa svizzera, ossia si tratta di soggetti fiscali a sé stanti. Se la loro cifra d'affari raggiunge un determinato importo, diventano contribuenti. Se un'impresa estera possiede diversi stabilimenti d'impresa in territorio svizzero, questi ultimi sono considerati come un unico soggetto fiscale a sé stante.

Prestazioni imponibili che originano l'assoggettamento

Per determinare il limite di cifra d'affari si considerano le controprestazioni consegui-te mediante le seguenti prestazioni:

  • forniture e prestazioni di servizi imponibili sul territorio svizzero;
  • forniture e prestazioni di servizi esenti dall'imposta in territorio svizzero;
  • forniture di beni provenienti dall'estero verso il territorio svizzero, nella misura in cui il fornitore al momento dell'importazione dispone di una dichiarazione di adesione (modulo n. 1236) autorizzata.

Per la determinazione del limite di cifra d'affari non devono essere prese in considerazione le controprestazioni e i flussi finanziari seguenti:

  • controprestazioni per prestazioni escluse dall'imposta;
  • controprestazioni per forniture e prestazioni di servizi all'estero;
  • entrate, non realizzate mediante prestazioni eseguite (cosiddette non controprestazioni secondo l'art. 18 cpv. 2 LIVA come ad es. doni o sussidi);
  • entrate da attività lucrativa dipendente;

cifre d'affari che non sono di natura professionale o commerciale oppure cui manca il necessario carattere di stabilità.  

Rinuncia all'esenzione dall'assoggettamento (assoggettamento volontario)

Con le vostre prestazioni imponibili non raggiungete i limiti di cifra d'affari secondo la rubrica "Assoggettamento". Nella misura in cui gestite un'impresa, potete comunque registrarvi come contribuente.

L'assoggettamento volontario è possibile di volta in volta per l'inizio del periodo fiscale corrente.

Opzione per l'imposizione di prestazioni escluse dall'imposta

  • Oltre a prestazioni imponibili, effettuate anche prestazioni escluse dall'imposta e per motivi di semplificazione desiderate conteggiare con l'IVA le cifre d'affari complessive?
  • Effettuate unicamente prestazioni escluse dall'imposta. Ciononostante desiderate diventare contribuenti IVA?

Ciò è possibile, fatte salve le seguenti restrizioni:
L'opzione non è ammessa per:

  • le operazioni di assicurazione e di riassicurazione, comprese le operazioni relative all'attività di agente o di intermediario d'assicurazione (art. 21 cpv. 2 n. 18 LIVA);
  • diverse operazioni nel settore del mercato monetario e dei capitali (art. 21 cpv. 2 n. 19 LIVA);
  • le operazioni concernenti scommesse, lotterie e altri giochi d'azzardo con poste di denaro, purché siano assoggettate a un'imposta speciale o ad altre tasse (art. 21 cpv. 2 n. 23 LIVA);
  • le imprese che conteggiano l'imposta con le aliquote saldo o forfetarie.

Se le seguenti prestazioni sono utilizzate dal destinatario esclusivamente per scopi privati - vale a dire utilizzate per scopi abitativi - l'opzione non è possibile:

  • trasferimenti e costituzioni di diritti reali su fondi (ad es. vendita di una casa mono o plurifamiliare a scopo abitativo) nonché prestazioni effettuate da comunioni di comproprietari di proprietà per piani (art. 21 cpv. 2 n. 20 LIVA);
  • messa a disposizione per l'uso o il godimento di fondi e parti di fondi (art. 21 cpv. 2 n. 21 LIVA), ad esempio locazione di un appartamento a scopo abitativo.

Come funziona l'opzione?

  • Dal momento che indicate chiaramente l'IVA sulle vostre fatture o ricevute (ad es. se sul biglietto per l'entrata al cinema è riportata l'aliquota d'imposta del 2,5 %), avete optato per l'imposizione di prestazioni escluse dall'imposta.

Inizio dell'assoggettamento

L'assoggettamento inizia con l'avvio dell'attività imprenditoriale. L'esenzione dall'assoggettamento termina non appena è presumibile che il limite di cifra d'affari di 100 000 franchi venga raggiunto entro 12 mesi dall'avvio o dall'ampliamento dell'attività imprenditoriale.

Per le imprese che cominciano l'attività o la estendono con la ripresa di un commercio o l'apertura di un nuovo settore d'attività, l'esenzione dall'assoggettamento termina con l'avvio o l'estensione dell'attività, se a tale data è presumibile, alla luce delle circostanze, che nei 12 mesi successivi sarà superato il limite di cifra d'affari di 100 000 franchi. Se a tale data non è ancora possibile stabilire se il limite di cifra d'affari di 100 000 franchi sarà superato, entro tre mesi dall'avvio o dall'estensione dell'attività occorre procedere a una nuova valutazione.

Se allo scadere di questi tre mesi è presumibile che il limite di cifra d'affari sarà superato, la vostra esenzione dall'assoggettamento termina. Potete scegliere se assoggettavi all'imposta con effetto retroattivo a decorrere dall'avvio o dall'estensione dell'attività oppure all'inizio del quarto mese. A tal proposito occorre rilevare che, in caso d'iscrizione al quarto mese dell'esercizio commerciale, bisogna procedere, nell'ambito dello sgravio fiscale successivo per questi tre mesi, a un ammortamento per un anno intero. Se decidete per l'iscrizione retroattiva al momento dell'avvio o dell'estensione dell'attività non dovete procedere, nell'ambito dello sgravio fiscale successivo, ad alcun ammortamento (per questi tre mesi). L'imposta va conteggiata dall'avvio o dall'estensione dell'attività.

Se al momento dell'avvio dell'attività o dell'estensione dell'attività è presumibile che nei 12 mesi successivi sarà superato il limite di cifra d'affari, dovete annunciarvi spontaneamente per scritto all'AFC entro 30 giorni.

Fine dell'assoggettamento/Cessazione dei presupposti per l'assoggettamento

L'assoggettamento termina con la cessazione dell'attività commerciale o - in caso di liquidazione patrimoniale -con la chiusura della procedura di liquidazione. In entrambi i casi il contribuente deve annunciarlo all'AFC per scritto entro 30 giorni.

Se la cifra d'affari determinate del contribuente non raggiunge più il limite di cifra d'affari di 100 000 franchi ed è presumibile che la cifra d'affari determinante non sarà più raggiunta nemmeno nel periodo fiscale successivo, il contribuente può liberarsi dall'obbligo fiscale soggettivo e farsi radiare dal registro dei contribuenti IVA. L'annuncio della fine dell'assoggettamento può essere effettuato al più presto per la fine del periodo fiscale in cui per la prima volta non si raggiunge più il limite di cifra d'affari. Il mancato annuncio è considerato rinuncia all'esenzione dall'assoggettamento. L'annuncio della fine dell'assoggettamento avviene in tempo debito se perviene all'AFC entro 60 giorni dalla fine del periodo fiscale.

Osservazione in merito alle due valli di Samnaun e Sampuoir

Le valli di Samnaun e Sampuoir sono escluse dal territorio doganale svizzero e, per quanto riguarda le forniture di beni, sono considerate estero. Pertanto, le forniture eseguite verso o a Samnaun e Sampuoir sono esenti dall'imposta oppure sono considerate effettuate all'estero.

Le prestazioni di servizi sono invece considerate eseguite in territorio svizzero. Le prestazioni di servizi eseguite verso o a Samnaun e Sampuoir (ad es. prestazioni del settore alberghiero e della ristorazione o prestazioni di consulenza) sono imponibili all'aliquota normale.

Osservazione in merito al Principato del Liechtenstein

Le imprese con sede nel Principato del Liechtenstein, che adempiono le condizioni d'assoggettamento all'IVA, sono tenute ad annunciarsi al seguente indirizzo:

Liechtensteinische Steuerverwaltung
Mehrwertsteuer
Aeulestrasse 38
Postfach 684
9490 Vaduz

info.stv@llv.li


Ultima modifica 25.01.2018

Inizio pagina

https://www.estv.admin.ch/content/estv/it/home/mehrwertsteuer/fachinformationen/steuerpflicht/allgemeine-informationen.html